Filiera SRF/ MRF

Il concetto di filiera presuppone la pianificazione e programmazione delle colture in funzione di un dettagliato piano di approvvigionamento che garantisca l'adeguato rifornimento di materiale agli impianti utilizzatori del cippato. La nostra società è strutturata per affiancare gli agricoltori/investitori in tutte le fasi elencate facendo si che la filiera risulti efficiente e remunerativa per tutti gli operatori del settore.

Le superfici destinate alla produzione di biomassa devono essere preparate attraverso le normali lavorazioni meccaniche che precedono le coltivazioni tradizionali a seminativo (aratura, fresatura, erpicatura).
Una volta preparato il terreno, si può procedere con la messa a dimora del materiale vegetativo secondo uno degli schemi seguenti, che illustrano la coltivazione con turno base di due anni (Modello SRF) e con turno base di cinque anni (Modello MRF).


Modello SRF
Attività turno biennale
Turno BIENNALE

  • Fila singola
  • Sesto 3,00 x 0,50 m
  • Materiale d'impianto : talee di 20 cm
  • Densità: 6.600 talee ad ettaro


La coltivazione si basa su una successione di 7 turni biennali (14 anni) che valorizzano la forte capacità pollonifera delle specie selezionate.

vantaggi turno biennale
  • Meccanizzazione semplificata
  • Minori costi di raccolta
  • Reddito a breve scadenza

Modello MRF
Turno QUINQUENNALE

  • Fila singola
  • Sesto 3,00 x 2,00 m
  • Materiale d' impianto : astoni di 1 anno
  • Densità: 1.600 astoni ad ettaro


La coltivazione si basa su una successione di 2 turni quinquennali (10 anni) che dilazionano la forte capacità pollonifera delle specie.

VANTAGGI TURNO QUINQUENNALE
  • Qualità superiore del cippato ricavabile
  • Produzioni più elevate
  • Sbocchi di mercato differenziati

raccolta e conferimento

Il prodotto legnoso viene raccolto alla fine di ogni turno con l'ausilio di macchine abbattitrici-cippatrici che operano in maniera congiunta il taglio e la cippatura direttamente sul campo. Il cippato viene quindi trasportato alla centrale di utilizzo per la produzione di energia sotto varie forme.

Scarico del cippato
Stoccaggio del cippato

Logistica di filiera

La creazione di una vera e propria filiera per la produzione e per il conferimento del prodotto sul territorio è il presupposto fondamentale per la diffusione delle coltivazioni agro-energetiche.
La strutturazione della filiera influisce infatti sui costi da una parte e sui prezzi di mercato dall'altra, in modo interdipendente.
La filiera si compone delle seguenti fasi / tappe:

  • Lo studio di fattibilità, che è il primo passo del percorso ed ha il fine di valutare preventivamente tutti gli aspetti e di indicare le migliori ipotesi logistiche ed agronomiche per gli appezzamenti collocati in un determinata posizione geografica e in un determinato ambiente
  • La messa a coltura di superfici adeguate su un territorio circoscritto
  • La gestione degli appezzamenti secondo un piano di coltura che prevede un piccolo numero di interventi
  • La raccolta con metodi competitivi per conferire il cippato in accordo con i piani di approvvigionamento delle centrali di utilizzo


Biopoplar è strutturata per affiancare gli agricoltori/investitori in tutte le fasi elencate, per far sì che la filiera risulti efficiente e remunerativa per tutti gli operatori.

Torna pagina Attività

struttura della filiera

Biopoplar Srl utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento