Politica rinnovabile al 2020: Biomasse protagoniste assolute

Il Ministero dello sviluppo economico ha reso noto il testo del Piano d’azione nazionale (Pan) per le energie rinnovabili, che sarà a breve presentato alla Commissione europea dopo aver concluso la fase di consultazione tra istituzioni e associazioni del settore.
Si tratta di un Piano previsto dalla recente direttiva europea sulle rinnovabili (2009/28/CE) che ha stabilito precisi obiettivi da raggiungere entro il 2020 in termini di quantità di energia rinnovabile, per una quota complessiva a scala europea del 20% sui consumi di energia primaria. Questo traguardo è stato suddiviso in quote nazionali tra gli Stati membri a seconda della situazione di partenza. L’Italia, come è noto, entro il 2020 dovrà raggiungere il 17%, rispetto a un dato di partenza calcolato al 2005 del 5,2%. Secondo il Piano, in termini generali i consumi finali lordi di energia previsti al 2020 non subiranno aumenti rispetto a quelli del 2008 (131 Mtep), come risultato di una maggiore efficienza attesa e come effetto dei minori consumi causati dalla crisi economica. Gli obiettivi del 17% di energia rinnovabile, pari a 22 Mtep, sono ripartiti in elettricità, calore e trasporti. Considerando la somma dell’energia rinnovabile che il Piano si propone di raggiungere complessivamente entro il 2020, intesa come energia elettrica, calore e trasporti, alle biomasse viene richiesto e riconosciuto un ruolo decisivo: quasi il 46% deriverà da biomasse solide, da biogas, da bioliquilidi e da biocarburanti.
Nel testo presentato dal Ministero dello sviluppo economico, la fonte idroelettrica, pur mantenendo il primato della produzione elettrica da rinnovabili anche per il futuro (quasi il 40%), in termini assoluti segna un riduzione di 1,7 GWh, mentre per eolico e solare si prevedono forti incrementi sia nella potenza installata sia nella produzione energetica. Ma la quantità di energia elettrica attesa al 2020 (21.000 GWh) dal segmento delle biomasse quadruplica rispetto al 2005. In particolare il peso più signifi cativo è assegnato alle biomasse solide, in larga parte quindi alla filiera legno-energia. Secondo le previsioni dei tecnici del Ministero dello sviluppo economico, nei prossimi 10 anni l’energia termica da rinnovabili sarà affidata principalmente alle biomasse (quasi il 58%) con un incremento in termini di tonnellate equivalenti petrolio (tep) del 233%. Per gran parte si tratta di biomasse solide dove il comparto legno-energia è il protagonista.


Fonte: Informatore Agrario
 

 




Biopoplar Srl utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento